Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Basket

Tortona in festa, la Orsi è in B

Gli uomini di Arioli si aggiudicano gara 3 battendo Novara 70-62 e conquistano la meritatissima promozione. Il coach: "La mia promozione più bella"
Una città in festa. Liberatoria, dopo tante sofferenze e, forse, qualche preoccupazione di troppo. Perchè, non si può negare, dopo gara 2 l'incubo del vedersi tutto scivolare dalle mani all'ultimo, sul più bello, c'è stato. Un incubo finalmente dileguato per lasciar spazio alla gioia che si sprigiona al suono della quarta sirena, quella che scandisce puntualmente l'arrivo di una promozione tanto sudata quanto strameritata. Il Derthona riagguanta la B Dilettanti dopo tre stagioni difficili, culminate un anno esatto fa con la beffa firmata Zimetal. Uno sgambetto, quello dei rivali alessandrini, che a Tortona fanno ancora fatica a mandar giù, ma che ora può essere serenamente messo nel cassetto. Tante cose sono cambiate in un anno, 365 giorni nei quali a Tortona si è lavorato alacremente partendo dalle fondamenta, alla ricerca della propria rivincita, di un riscatto personale. Il primo mattone deposto è stato, alla fine dei conti, il fulcro fondamentale di una stagione da ricordare: Antonello Arioli, coach alla sua nona promozione in carriera, ha traghettato le anime bianconere verso il paradiso, trasmettendo sicurezza e soprattutto mantenendo il gruppo concentrato e compatto nei momenti più difficili, soprattutto quando i suoi uomini sono tornati da Novara con la consapevolezza di giocarsi tutto in quaranta minuti. Non deve essere stato semplice, perchè si può solo immaginare cosa voglia dire chiudere una regular season con 12 punti di vantaggio sugli inseguitori, Novara compresa, e rischiare di farsi soffiare proprio all'ultimo, da strafavoriti sulla carta, il tanto agognato traguardo. Oggi, a giochi fatti, si capisce come probabilmente il primo avversario per i bianconeri poteva essere, paradossalmente, il Derthona stesso. La paura, però, non ha preso il sopravvento, e, anzi, i felini bianconeri con una gran dose di lucidità e consapevolezza nei propri mezzi hanno superato timori di ogni sorta e una Bluenergy mai doma, alla quale va riconosciuto il merito di aver superato le aspettative ed i limiti mostrati sulla carta alla vigilia dei playoff.

GARA EQUILIBRATA, I LEONI GRAFFIANO NEL FINALE - Parte molto bene la Bluenergy di coach Morganti, i novaresi non hanno nulla da perdere perchè sanno di avere un tasso tecnico inferiore e dunque giocano a viso aperto. Il primo quarto si chiude cosi in vantaggio per gli ospiti (18-17) con la tripla di Ceper che anticipa il suono della prima sirena. Un po' frastornati, i padroni di casa si livellano sugli standard della Bluenergy e non affondano, prova ne è la pessima percentuale realizzativa di Quaroni. Blackout offensivo per il Derthona, che nel secondo periodo non riesce a realizzare per tre minuti consecutivi, anche se gli ospiti non ne approfittano più di tanto, accumulando un margine di appena quattro lunghezze. Il gap viene neutralizzato in un amen grazie alle soluzioni di Gioria e Ganguzza. Le squadre vanno negli spogliatoi sul parziale di 30-26, differenziale che rimane sostanzialmente invariato nel terzo quarto, chiuso in favore dei padroni di casa sul 48-44. E' nell'ultimo quarto che i leoni intendono graffiare, ed infatti riescono a portarsi sul +13, massimo vantaggio nel match, ma la Bluenergy recupera e infilza un Derthona già sugli allori costringendo i bianconeri a giocare ancora tre minuti di gara con appena 5 punti di vantaggio, 60-55 a 3'30'' dalla quarta sirena. Quaroni e Degrada non sbagliano i tiri più pesanti dalla lunetta, e mandano Tortona in B.

ARIOLI: "LA PIU' BELLA PROMOZIONE IN CARRIERA" - E' un Arioli emozionato quello che si presenta ai giornalisti nel dopo-gara: "Sono abituato a vittorie e gioie, ma per pubblico e diligenza che hanno messo nel proprio lavoro uomini come Picchi e Fassino direi che questo è un risultato straordinario. Abbiamo una squadra di buoni giocatori e grandi uomini, ma la differenza nel coronare questo sogno l'ha fatta un pubblico sempre presente, da Serie A. I successi più belli sono quelli che si fanno attendere: per 30' abbiamo sofferto, ma nel finale siamo andati in scioltezza. E' una vittoria meritata, perchè da agosto ad oggi non abbiamo mai mollato"

TABELLINO
ORSI DERTHONA - BLUENERGY NOVARA: 70-62 (17-18, 30-26, 48-44)
ORSI DERTHONA:
Pavone 6, Degrada 16, Gioria 15, Quaroni 14, Ganguzza 10, Gatti 9, Serafin, Campeggi, Taverna ne, Mozzi ne. All.: Arioli
BLUENERGY NOVARA: Barbirato 11, Degiovanni 13, Negri 12, Ceper 8, Leone 2, Giroldi 7, Prestini 9, Ilic. All.: Morganti
10/06/2012
Riccardo Robotti - riccardo.robotti@alice.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus