Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Torna Ovada in Randonnée: attesi 400 atleti

La kermesse cicloturistica dell'Ovadese si svolgerà nella giornata di domenica, con tre percorsi distinti per accontentare l'alto numero di partecipanti attesi al via. Gli organizzatori hanno annunciato anche la presenza di Jens Veggerby, iridato ai Mondiali di Barcellona nella categoria mezzofondo.

OVADA - Dovrebbe essere una tipica giornata autunnale a salutare la quarta edizione di Ovada in Randonnée, in programma domenica con partenza e arrivo in piazza XX settembre. Secondo le previsioni meteorologiche il clima non inciderà negativamente - con piogge e temperature rigide - sulla kermesse (non competitiva) organizzata dall'Uà Cycling Team. Una maratona sui pedali che si spinge, nella sua massima estensione, dal cuore di Ovada fino all’entroterra ligure, passando attraverso le dolci colline del Basso Monferrato, con un passaggio a ridosso del territorio novese, fino al verde del Parco Nazionale del Beigua.

Per la quarta edizione Ovada in Randonnée si fa in tre. Gli organizzatori hanno predisposto tre percorsi distinti – basati su criteri differenti a seconda della lunghezza, delle difficoltà altimetriche e della planimetria – per attirare (e accontentare) maggior numero possibile di partecipanti. Lo scorso anno, tra le iscrizioni effettuate in modalità telematiche e quelle raccolte nel giorno stesso dell’iniziativa, direttamente di fronte al Caffè Trieste, presero il via ben 378 atleti. Ora, se il clima sarà clemente e asciutto come in queste ultime settimane, si spera di poter alzare ulteriormente l’asticella, andando a raggiungere la cifra tonda. «Aspettiamo oltre quattrocento partecipanti – spiegano dall’ente sportivo ovadese –. Lo spirito rando è cresciuto molto negli ultimi anni. La scoperta di un ciclismo diverso non esasperato dalla competizione, dalle classifiche, dalle griglie di partenza, ma non per questo meno impegnativo e severo vanta un’adesione sempre più massiccia, anche nel nostro territorio». E visto che i numeri – inteso come piazzamento o durata della prova – non faranno la differenza al traguardo, segnaliamo invece una statistica che sottolinea la crescita costante della manifestazione. Tra il debutto del 2014 (quando furono rilasciati 176 brevetti) e la scorsa edizione, il numero dei randonneur è raddoppiato. E tra i presenti, quantomeno annunciati per questa sfida, ci sarà anche Jens Veggerby, un ex pistard e ciclista su strada danese che vinse il titolo iridato nel mezzofondo ai Mondiali di Hamar, nel 1993 (l’anno prima si prese la medaglia d’argento sul circuito di Valencia).

Anche l’ex portacolori del team Motorola, come tutti gli altri atleti, potrà partire tra le ore 7:30 e le 9:30, subito dopo aver timbrato la carta di viaggio che sarà controllata anche ai punti di controllo (timbratura). Ogni atleta dovrà limitarsi a rispettare il tempo di percorrenza, con un massimo di 30 km/h e un minimo di 15 km/h di media. I tre percorsi si basano su distanze differenti, ossia 230 chilometri per la Randonnée (ma i partecipanti potranno scegliere un viatico alternativo di 190), e due pedalate da 50 e 130 chilometri (quest’ultima prevede una soluzione alternativa di 90 chilometri). Il principale connettore fra queste tre prove è piazza XX settembre, luogo di partenza e arrivo, oltre a punto di passaggio intermedio – con ristoro – per tutti coloro che affronteranno la prova più lunga. I numerosi sponsor della manifestazione, quasi tutti ovadesi, forniranno un abbondante pacco gara a tutti gli iscritti. 

5/10/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus