Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serie D - girone A

L'Acqui fa l'impresa e strappa il pareggio a Gozzano

Una doppietta di Anania regala un punto prezioso contro una delle squadre più in forma del girone.
GOZZANO - Poteva essere l'occasione della vita per sbloccare quello “0” sui punti guadagnati in trasferta dall'Acqui, ed i ragazzi di Buglio non si sono lasciati sfuggire l'opportunità contro un Gozzano che nelle ultime tre partite ottiene solo un punto e vede la Caronnese scappare dopo il clamoroso aggancio alla vetta; sicuramente pesano sulla valutazione le le assenze del portiere Milan, dei difensori Li Gotti, Richieri e Mikhaylovskiy, tutti squalificati, e di Troiano, infortunato, ma l'impresa dei termali va comunque applaudita.

Partita che inizia in salita per i padroni di casa, che al 4' devono già inseguire: un fallo su Cerutti ai venti metri, in posizione leggermente decentrata sulla destra, permette ad Anania di mostrare la sua perizia sui calci piazzati: palla sotto l'incrocio e siamo 0-1. Il Gozzano poi rischia molto al 15' quando, su una errata applicazione del fuorigioco, Cerutti mette Cesca, a tu per tu con Donetti, ma il centravanti calcia addosso al portiere. Lo scampato pericolo rianima il Gozzano che alza il baricentro, e nel giro di quattro minuti, poco prima della mezzora, capovolge il risultato, anche grazie a qualche favore da parte degli acquesi. Il primo gentile omaggio è di Benabid, che al 24', su un pallone innocuo, prova il rinvio, ma colpisce di esterno: la palla si impenna e, anziché in avanti ricade all'indietro, scavalcando inesorabilmente Scaffia, avanzato di pochi passi rispetto alla linea: un'autorete da 'Mai dire gol'. L'Acqui accusa il colpo e al 27', su angolo di Lunardon, battuto sul secondo palo, Sarr fa da torre, irrompe a centroarea Porro e ancora di testa insacca il 2-1. Situazione capovolta e, quando al 36' Lamorte, già ammonito, rimedia il secondo giallo per proteste, lasciando i bianchi in dieci, nessuno scommetterebbe un penny sulle loro possibilità di rimonta.

Invece, l'Acqui non si dà per vinto e al 4' della ripresa un altro fallo, stavolta su Cesca, in posizione analoga a quanto avvenuto nel primo tempo, permette ad Anania di riprovare col tiro a segno: altro tiro, altro centro, stavolta all'angolino basso: 2-2. Ora il copione della gara è chiaro: Gozzano in avanti, Acqui pronto a ripartire. All'11' Guidetti in area attira su di sé tre avversari, ma Sarr in diagonale non inquadra la porta; sull'altro fronte, al 29' un tocco di Debiase in profondità libera Cerutti, che si invola verso la rete e una volta in area cade sbilanciato da Moretto: il rigore appare evidente, ma l'arbitro lascia correre, e espelle Buglio per proteste. Finisce con l'Acqui in trincea e il Gozzano all'assalto, ma con poca lucidità: al 5' di recupero su cross di Oliboni, Guidetti e Porro finiscono in rete, ma il pallone passa ed esce, e l'Acqui porta a casa un punto prezioso.



GOZZANO - ACQUI 2-2
Reti: pt 4' Anania, 24' aut.Benabid, 28' Porro; st 4' Anania

Gozzano (4-3-3): Donetti 6; Gualandi 6, Moretto 5.5, Porro 6.5, Scarpato 6 (41'st Giardino ng); Marino 5.5, Tettamanti 6, Scaramozza 5 (32'st Oliboni 6); Lunardon 5.5, Guidetti 5, Sarr 5.5 (25'st Armato 6). A disp.: Gattone, Brandi, Gemelli, Jackson, Aliata, Pici. All.: Viganò

Acqui (4-1-4-1): Scaffia 7; Benabid 6, Lamorte 4.5, Iannelli 6.5, Giambarresi 6.5; Genocchio 6.5; Delafuente 6 (43'pt Debiase 6.5), Anibri 6.5 (14'st Castelnovo 6.5), Anania 7.5, Cerutti 6.5 (36'st Morina ng); Cesca 6. A disp.: Gaione, Cleur, Mondo, Arasa, Migliavacca. All.: Buglio

Arbitro: Cattaneo di Civitavecchia 5 (Cultera di Catania e Vendola di Torino)

Note: Giornata soleggiata, terreno in buone condizioni. Spettatori: 250 circa. Ammoniti: Porro, Genocchio, Lamorte, Anania, Cesca. Espulsi: al 36'pt Lamorte per doppia ammonizione; al 30'st Buglio per proteste. Angoli: 8-2 per il Gozzano. Recupero: pt 1', st 5'.
9/11/2015
Tiziano Fattori - sport@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus