Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Prima Categoria - girone H

Calabrese regala tre punti all'Aurora che risale la classifica

Si chiude con un nulla di fatto la trasferta de La Sorgente in quel di Alessandria; ai padroni di casa basta la rete di Calabrese per avere la meglio sui volenterosi ma sterili termali
ALESSANDRIA - La partita si apre subito con un episodio molto discusso: al 4' Rama salta in dribbling due difensori ma viene trattenuto ed atterrato in area di rigore. Per il signor Meniconi di Torino però è tutto regolare e, fra le proteste dei padroni di casa, si continua a giocare. Quest'iniziale fiammata resterà, però, per lungo tempo l'unico squillo dell'Aurora, che per il resto della prima frazione subisce l'iniziativa dei sorgentini. I pericoli arrivano quindi tutti da calcio piazzato, grazie soprattutto alla presenza fisica dei centrali, Cesari e Marchelli. Da segnalare, infatti, le occasoni sui tre angoli concessi: al 14' la battuta di Ivaldi, allontanata dalla difesa, è ripresa al limite da De Bernardi, che calcia a lato; al 21' svetta Marchelli, ma l'incornata è fra le braccia di Frisone, al 36' altro stacco di Marchelli e stavolta la palla è alta di poco a portiere battuto. In mezzo, al 25', una sortita dell'Aurora con traversone forte e teso di Bianchi dall'out destro e deviazione volante di tacco di Moscatiello, che sorvola l'incrocio dei pali.

Nella ripresa, arriva subito l'episodio che sembra mettere la gara sui binari de La Sorgente: al 9' Cassaneti, già ammonito, rimedia un discutibile secondo giallo e viene espulso. Lo segue negli spogliatoi mister Adamo, che per reiterate proteste viene allontanato cinque minuti più tardi. In dieci, però, l'Aurora dà il meglio di se, sfruttando gli assalti ospiti per i suoi contropiedi. Rama ne produce uno bellissimo al 17', ma quando serve al centro il pallone, Zamperla, che lo aveva seguito fino al limite dell'area, si è già fermato e l'azione sfuma. La Sorgente però si concede troppe distrazioni e al 34' viene punita su un calcio d'angolo: sulla battuta di Caselli è bravo Calabrese a smarcarsi sul primo palo e ad insaccare di testa un facile pallone per l'1-0. Con il vantaggio casalingo la partita si innervosisce e aumentano i contatti. Al 44' Cesari reagisce a un'entrata dura di Di Balsamo colpendolo al volto con una manata: inevitabile l'espulsione. Dopo una chiamata sacrosanta, tuttavia, il signor Meniconi si mette in mostra anche per una chiamata molto più controversa: su una punizione di Marchelli salvata sulla linea da Rama, riprende Marchelli, palla sotto porta dove Reggio insacca. Sulla linea, oltre al portiere, c'è Rama ancora a terra, ma l'arbitro, incredibilmente, annulla per fuorigioco. Si chiude quindi fra le proteste una partita controversa che che vede uscire a testa alta, forse inaspettatamente, i padroni di casa.



AURORA CALCIO - LA SORGENTE 1-0
Reti: st 34' Calabrese

Aurora Calcio (4-2-3-1): Frisone 6; Llojku 6.5, Bianchi 6.5, Guida 6.5, Calabrese 6.5; Salajan 6, Di Balsamo 6.5; Zamperla 5.5 (26'st Caselli 6), Cassaneti 5.5, Rama 6; Moscatiello 6 (19'st G.Giordano 6). A disp.: Mazzucco, Raiteri, Grifa, Porpora, Greco. All.: Adamo

La Sorgente (4-3-3): Gallo 6; Goglione 6, Cesari 5, Marchelli 6.5, Astengo 6; Reggio 6, F.Ivaldi 6.5, De Bernardi 5.5; Cebov 5.5 (26' st Zunino 5.5), Valente 5.5, Sofia 5.5 (16'st Gazia 5.5). A disp.: Benazzo, Allam, Vitari, Carozzo, Battiloro. All.: Marengo

Arbitro: Meniconi di Torino 4.5

Note: Giornata fredda, spettatori 50 circa. Angoli: 6-5 per La Sorgente. Ammoniti: Reggio, Cassaneti; Espulsi: al 9'st Cassaneti per doppia ammonizione, al 14' st l'allenatore dell'Aurora Adamo per proteste, al 44' Cesari per avere colpito Di Balsamo con una manata al volto. Recupero: pt 1', st 6'
30/11/2015
Filippo Ricci - sport@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus