Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serie D - girone A

Acqui sconfitta in casa dal Sestri Levante

Non basta un rigore di Innocenti quando il punteggio è già sullo 0-2: si ferma la serie positiva dei bianchi

 

ACQUI TERME - Si ferma la striscia positiva per i bianchi di Buglio: dopo una vittoria e due pareggi arriva la sconfitta casalinga con il Sestri Levante che se nel punteggio sembra essere di misura sul campo ha visto i rossoblù decisamente più pimpanti e propositivi degli avversari; per i termali il solito problema della concretezza in fase realizzativa che ha finito per pesare più del dovuto quando ci si è trovati sotto di due reti a mezz'ora dalla fine.

La partita prende subito la piega giusta per i corsari, che nei primi quindici minuti si fanno vivi per ben tre volte dalle parti di Corradino. Due volte ad arrivare al tiro è Cardini (ex di turno) che prima si vede contrare la conclusione dalla difesa e quindi, poco dopo, sfiora il palo dal limite dell'area. Poi, al 15', è Boisfer che dopo un triangolo con Longobardi manca di poco lo specchio della porta. Il primo segno di vita dell'Acqui arriva al 16', con un tiro da fuori di Rossi che costringe Stancampiano in angolo, ma al 22' il Sestri passa in vantaggio. Bella azione sulla destra di Pane, che arriva sul fondo e crossa teso verso il secondo palo. Corradino forse potrebbe intervenire, ma lascia sfilare la palla, che pure taglia l'area piccola, e sul secondo palo Emiliano si lascia prendere il tempo dall'astuto Longobardi, che tocca in rete l'1-0. La risposta acquese lascia parecchio a desiderare, e si concretizza solo in una conclusione dal limite del solito Rossi, al 31', che però sorvola la traversa.

Si spera in un secondo tempo diverso da parte dei padroni di casa, che però rischiano molto già al 6', quando su una botta dai trenta metri di Pane, Corradino non riesce a fermare la palla che gli schizza sui guantoni, termina sulla traversa e gli torna fra le mani. Mister Buglio prova a rivitalizzare la squadra togliendo Genocchio e inserendo Kean per aumentare il peso offensivo, ma i bianchi, a parte qualche lancio lungo, combinano poco. A rimetterli in partita potrebbe essere un'uscita a vuoto di Stancampiano, che al 13' mette Simoncini in condizione di battere a rete, ma il difensore tarda troppo a calciare e la conclusione è deviata. Gol sbagliato, gol subito: al 16' su una punizione laterale il georgiano Sanashvili prova a battere direttamente in porta, Corradino non è impeccabile ed è 0-2. Perso per perso, l'Acqui tenta il tutto per tutto e si getta avanti in forcing, e rientra in partita al 22', con Innocenti che trasforma un rigore forse generoso concesso per un sandwich in area su Roumadi. Galvanizzati dal gol, gli acquesi conquistano tre angoli consecutivi, e per una decina di minuti chiudono i liguri nella loro area, ma senza mai rendersi davvero pericolosi, e la sconfitta diventa inevitabile.


ACQUI-SESTRI LEVANTE 1-2
Reti: pt 22' Longobardi; st 16' Sanashvili, 22' rig.Innocenti

Acqui (4-2-3-1): Corradino 5; Simoncini 6.5, Emiliano 5.5, De Stefano 6, Giambarresi 5.5; Genocchio 5.5 (12'st Kean 5), Rossi 6.5; Coviello 6, Mugnai 5.5 (1'st Cangemi 6), Innocenti 6; Roumadi 5.5. A disp.: Scaffia, Bottino, Del Moro, Martinetti, Gasparotto, Buonocunto, La Rocca. All.: Buglio

Sestri Levante (4-2-3-1): Stancampiano 6; Pane 7, Lorenzini 6.5, Mautone 6, Sanashvili 6.5; Boisfer 6.5, Cardini 6.5; Provenzano 6 (31' st Besana sv), Marchesi 5.5 (24'st Pescatore 6), Firenze 6 (47'st Bettati sv); Longobardi 7. A disp.: Moscato, Guazzoni, Monacizzo, Naclerio, Durante, Olivieri. All.: F.Baldini

Arbitro: Cascone di Nocera Inferiore 5.5 (Capelli e Cortinovis di Bergamo)

NOTE: Giornata soleggiata ma fredda, terreno in discrete condizioni, spettatori 350 circa. Ammoniti: Giambarresi, Emiliano, Mugnai, Marchesi, Cardini, Besana. Angoli: 7-2 per l'Acqui. Recupero: pt 1', st 4'.

 

26/01/2015
Tiziano Fattori - sport@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus