Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Acqui Terme

La nuova illuminazione a led arriva anche in centro

Dopo aver terminato le installazioni delle circa 1900 lampade stradali presenti nel concentrico, le sostituzioni dei punti luce esistenti con le nuove lampade a led si stanno estendendo al centro della città
ACQUI TERME - Dopo aver terminato le installazioni delle circa 1900 lampade stradali presenti nel concentrico, le sostituzioni dei punti luce esistenti con le nuove lampade a led si stanno estendendo al centro della città.

E' sostanzialmente terminato, infatti, il primo lotto del centro, comprendente 525 centri luminosi e facente capo alle vie attualmente caratterizzate dai globi (via Nizza, via Marconi, via Trucco), dalle "campane" (via Amendola, via Crenna, via Don Bosco, via Gramsci, ecc.) e dalle lanterne a prisma ed a semisfera (sostanzialmente, corso Bagni e via Moriondo).

"I risultati - commenta il Sindaco Enrico Bertero - sono sotto gli occhi di tutti; un consistente miglioramento della qualità della luce e dell'illuminamento a terra, un minore inquinamento luminoso, un'aumentata sicurezza stradale e pedonale ed un consistente risparmio energetico" (in alcuni punti, superiore all'80%, come in corso Bagni ed in via Nizza). Inoltre, a questo consistente risparmio si accompagna una forte riduzione delle emissioni inquinanti derivanti dal consumo elettrico inferiore dei nuovi punti luce. E' stato calcolato, infatti, come l'intervento complessivo comporterà una riduzione annuale da circa 1300 tonnellate a circa 500 tonnellate di CO2, con un consistente abbattimento dell'impronta ambientale del Comune. A conclusione dei lavori, oltre alle verifiche impiantistiche ed alla sostituzione dei quadretti, attività di prossimo svolgimento, rimarrà solo la parte del centro storico acquese (sostanzialmente, l'area pedonale tra piazza Italia, piazza San Francesco, i giardini della Stazione e piazza San Guido). Vista la delicatezza storica ed artistica della zona, i tecnici comunali, con l'ausilio del consulente incaricato Ing. Luca Baldissone, stanno lavorando, congiuntamente con la Soprintendenza ai Beni culturali e con la Consulta al decoro cittadina per trovare il compromesso migliore, che permetta l'ammodernamento degli impianti con tecnologia a led, mantenendo comunque inalterata la bellezza artistica e storica della zona.

Il sindaco Bertero ha comunicato che "diverse soluzioni sono state vagliate e a stretto giro saranno installati alcuni campioni, al fine di permettere a tutta la cittadinanza di toccare con mano quanto sarà effettivamente impiegato".
27/04/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film