Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Provincia, "con questi tagli non ci resta che chiudere"

Gli ulteriori tagli imposti dal governo alle province comportano per palazzo Ghilini un mancato trasferimento di 7,7 milioni di euro. Aspettando le elezioni, "occorre fare una riflessione politica: che senso ha restare, a dispetto di tutto, se non si possono garantire i servizi?"
PROVINCIA – Dimissioni “in blocco” della giunta provinciale? L'idea ha sfiorato più di qualche assessore e, probabilmente, anche il presidente Paolo Filippi. Gli ulteriori tagli imposti dal governo alle province sul rispetto del patto di stabilità comportano per palazzo Ghilini un mancato trasferimento di 7,7 milioni di euro e buco in bilancio di 10 milioni di euro. “Praticamente, il bilancio che andremo a fare presenterà una voragine ancor prima che sia approvato, buco che non sappiamo come coprire. E' ovvio che con queste prospettive diventa impossibile garantire i servizi”, spiega l'assessore ai lavori pubblici Graziano Moro. "Al momento le priorità del mio assessorato sono garantire la sicurezza delle strade e delle scuole. Non parlo di interventi di abbellimento, ma delle condizioni minime di sicurezza. Fino ad oggi il clima ci ha dato una mano, per quanto riguarda le strade, ma non so se si manterrà così fino alla fine della stagione invernale". E a quel punto, i buchi non saranno solo nel bilancio, ma anche sulle strade.
Già lo scorso anno i tagli avevano prodotto un ammanco (a bilancio già approvato) che “è stato coperto con la vendita di villa Figoli, ma una volta venduti i gioielli di famiglia, cosa resta?”, ammette Moro. La prossima asta potrebbe riguardare la caserma di via Cavour. Ma, rispetto alla colonia di Arenzano, avrebbe un mercato ristretto, anche perhè si tratta di un immobile vincolato.
Secondo l'assessore ai lavori pubblici, “le recenti dimissioni del presidente Filippi dal Pd vanno lette nell'ottica di un segnale forte”. Per quanto “non mi trovi in accordo”, non nega che il prossimo passo potrebbero essere le dimissioni dalle cariche amministrative. Anche se ciò significherebbe aprire le porte ad un commissariamento. A sostenere la necessità di una “riflessione politica” è anche l'assessore al Lavoro Cesare Miraglia. "Occorre capire se ci sono spazi di manovra, se le condizioni resteranno queste. Dover rimanere a dispetto di tutto, a dispetto dell'impossibilità a garantire i servizi, mi chiedo che senso possa avere".
C'è però, la consapevolezza che il futuro è legato alle vicende nazionali e all'esito delle elezioni politiche per il rinnovo del parlamento del prossimo febbraio. Resta, per ora, il fatto che tutto il dibattito su accorpamenti e trasferimenti “è congelato” anche se le prime “vittime” di questa situazione sono già cadute. Si tratta dei 19 precari a cui il 31 dicembre è scaduto il contratto a tempo determinato. Ad altrettanti era già scaduto a fine ottobre. "Mi sono impegnato, per quanto nelle mie possibilità, a non lasciarli soli. Ci auguriamo che dopo le elezioni si possano aprire nuove possibilità", dice ancora Miraglia.
I precari non sono gli unici ad essere preoccupati. Anche i dipendenti a tempo inderminato temono la scure dei tagli e degli accorpamenti, per quanto al momento sospesi. "Fino a qualche anno fa la spesa dei personale della provincia pesava un 15% sul bilancio. Oggi siamo oltre al 20%. Non perchè si siano fatte assunzioni inutili, ma perchè sono state assegnate funzioni piene dalla Regione e sono state svolte con personale interno", dice il rappresentante sindacale della Uil, Forni. A questo punto, "ci auguriamo che il 2013 porti almeno un po' di chiarezza".
8/01/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé