Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Il futuro delle Circoscrizioni è in mano al Consiglio comunale

La seduta del Consiglio comunale convocata per martedì 7 febbraio alle 21 sarà dedicata alla revisione dello Statuto comunale. Tema centrale del dibattito, che non sembra mettere d'accordo tutti tra i banchi della maggioranza, è il futuro delle Circoscrizioni che scompariranno allo scadere del mandato amministrativo
Il tema all'ordine del giorno di cui si occuperà il Consiglio comunale convocato per la serata di martedì 7 febbraio è quello dello Statuto comunale. Una bozza di regolamento sulla quale la commissione Sub Tecnica, presieduta da Ezio Sestini, lavora da un anno e mezzo e che dal mese di settembre è approdata in commissione congiunta con Affari istituzionali per essere esaminata dai consiglieri stessi.
La questione sulla quale si concentra la maggiore attenzione ancora oggi, e che è stato il nodo cruciale e più problematico durante i lavori di stesura della bozza, riguarda le Circoscrizioni di Decentramento. O meglio quelle che dal prossimo mandato amministrativo, per volere di una legge contenuta nella finanziario 2010, diventeranno "ex Circoscrizioni" poiché saranno abolite in tutti i comuni al di sotto dei 250 mila abitanti. Quindi anche Alessandria dovrà dire addio alla Circoscrizione Nord, Centro, Sud, Europista e Fraschetta.
Ma come è stato più volte ribadito dai banchi della maggioranza, "per non perdere tutto il lavoro svolto in questi anni dai presidenti delle Circoscrizioni" si è creata una commissione ad hoc, la Sub Tecnica appunto, che stilasse nella nuova bozza di Statuto una possibile soluzione per queste realtà comunali. Insomma anche se "sotto altre vesti" e con compiti diversi, come richiesto dalla legge,si è cercato di mantenere in vita le ex Circoscrizioni.
Il principio che sottende a questo nuovo modello è quello della "partecipazione", che è lo stesso concetto che ha creato le maggiori difficoltà. Fin dalle prime sedute di commissione i consiglieri Giorgio Barberis, della minoranza, ed Emanuele Locci (nella foto a destra), della maggioranza avevano fortemente contrastato l'impostazione data a questo progetto di "partecipazione". Il pidiellino in più occasioni aveva sottolineato come "la partecipazione dei cittadini fosse una cosa ben diversa dal semplice ascolto. E questa bozza non accenna minimamente al principio di partecipazione".
Un lungo percorso, un lungo dibattito che ha portato ad alcuni cambiamenti del testo iniziale, attraverso l'approvazione di parte degli emendamenti proposti dal consigliere Mario Bocchio in collaborazione con il presidente della Circoscrizione Alessandria Sud, Antonio Tortorici. La bozza di statuto ha preso una nuova forma, che ha trovato l'approvazione della commissione Affari Istituzionali, senza l'appoggio della minoranza. Proprio per sottolineare l'importanza dello Statuto, che detta le regole comunali, i commissari dell'opposizione a fine settembre avevano ritirato la propria partecipazione dai lavori e quindi anche dalla votazione del nuovo regolamento, accusando l'amministrazione comunale di "mancanza di trasparenza" che non permetteva più di proseguire "la convivenza", non più armoniosa.

Se in un primo momento sembrava che qualche rappresentante della minoranza, forse il consigliere Ezio Brusasco, aspettasse la seduta del Consiglio per presentare le proprie "richieste di modifica dello Statuto", anche questa possibilità sembra essere venuta meno. Dai banchi dell'opposizione si mormora che "vista la situazione, tragica, in cui si è arrivati, si è deciso di gettare la spugna". Anzi, qualcuno sostiene addirittura che l'intenzione sia di non prendere parte alla seduta, con forte rischio di far mancare il numero legale.
Ma la discussione sul tema delle Circoscrizioni sembra infiammare anche i banchi della maggioranza, tra i quali c'è qualcuno che non approva il nuovo testo di regolamento. In prima linea il consigliere Pdl-An Emanuele Locci che ha più volte confermato la propria volontà di presentare degli emendamenti direttamente in Consiglio comunale, ribadendo anche la propria posizione: "così come si presenta ora lo Statuto, con questa visione di partecipazione, io non lo voto". Staremo a vedere come si procederà martedì sera: se si riuscirà a delineare il futuro delle "ex Circoscrizioni".
6/02/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Arquata Scrivia domenica 10 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Arquata Scrivia domenica 10 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno