Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lissondria

L'è pù dura che 'l fer, i padròn di còn, la šghenga, propi i voru nènt fèla sü

Nonostante i controlli, nonostante tutto, c'è ancora qualche padrone che non raccoglie la cacca dei ani che porta a passeggio. Una bruttissima abitudine anche qui da noi.
LISSONDRIA - T'hai voja 'd cantèila ai lissandren ch'i portu a spass el con, i la voru nénta antendi! Per carità cuca dën u sa šbasa e u la fa su, ma i son ancura tòncc cuilà che i fòn nent na piega, i fòn finta 'd gnente e la šghenga (bén, u sò nom preciš u sarreiva merda, ma l'è uari fén, e anlura...) l'arman lè!
U i-jè pò cuilà che 'l còn il portu ant'i giardèn, ans'l'erba. E lè i cagu e i pissu ch'l'è in piašì antònt pò dòp ui passa el mašnà che giugönda i la fòn sù tüta... da cap a pé!
Se pò dòp ui passa di giuvnòt con in còn ch'lè pù gròss dèl padròn, i pori quasi giughèì el bali che i lassu che "Dracula" el fassa i sò còmud...e pò dòp i tiru dricc, cmè gnente, e la sghenga l'armàn lé ache lasceranno dispušissiòn del prim chè 'l passa, magari 'd cursa sensa uardè andò che 'l bita i pè.
I dirrei: "Sé va bén ma i vìgil i duvrissu fè del mülti a si scaruš!"
Beh, t'hai dicc bén, i duvrissu, ma adéss av chént se ch'u jè capità a Paolo Iraci, 48 ani dišoccupà ch'u sta a Ruma.
E bèn l'ava anmà tacà 'n cartèl, forse 'n pò vistus, per višè i pruprietari di còn che lassè caghé e pisé i còn per la strà i pruvucavu di prublema a chi, per cula strà l'era ubligà a passè e...našè.
E bèn, u sarréiva stacc l'aušen 'd cà a segnalè ai vigìl cul cartèl tacà da Paolo per ciamè 'n pò 'd rispèt per sò fija e per chi ch'l'auriva nènta che dal fnèstri us sentissa cul insupurtabil udur 'd piss.
"Cul gava", i-javu dicc i vigil. E dòp a cuca giurnà ecco la maxi multa. I maledicà i la farròn fronca ma Paolo l'arman con na multa an mòn ch'el po nènt paghé.
Dal Campidoglio i dišu 'd fè ricurs ma, a ciamèl, dop a na letra 'd supplica, l'è stacc, pensa 'n pò, papa Bergoglio.
"A travajava da esterno cmé calligrafo per la Santa Sede" u spiega Iraci al Corriere. Po' dòp la disoccupassion. E adèss na mòn dal Vaticano. Clà basta nénta per rišolvi tücc i sò prublema ma l'è šà chic coš.
Ma pensa té, e tùt per na merda mulàja lé da na brancà 'd scaruš!


E' più dura del ferro, i proprietari dei cani, la cacca, proprio non la vogliono raccogliere!

Hai voglia raccontarla agli alessandrini che portano a spasso il cane, non la vogliono proprio intendere!
Per carità qualcuno si abbassa e la raccoglie, ma sono ancora molti quelli che la ignorano, fan finta di nulla e la sghenga (oddio il suo nome esatto sarebbe merda, ma non sarebbe fine, e allora...) rimane dove si trova!
Ci sono poi quelli che il cane lo portano nei giardini, nell'erba. E li defecano e orinano che è un piacere intanto poi passano i bambini che, giocando, la raccolgono tutta...da capo a piedi!
Se poi passano dei giovanotti con un cane più grande del padrone, potrete sicuramente giocarci gli zebedei che lasceranno fare a "Dracula" tutti suoi comodi...per poi tirare dritto, come se niente fosse, e la schenga rimane li a disposizione del primo che passa, magari di corsa, senza guardare dove mette i piedi.
Direte: "Si va bene ma i vigili dovrebbero fare le multe a questi sporcaccioni!"
Beh, avete detto bene, dovrebbero, ma ora vi racconto cosa è successo a Paolo Iraci, 48 anni, disoccupato che vive a Roma.
Ebbene, aveva solo appeso un cartello - forse un po' vistoso - per ricordare ai proprietari dei cani che far fare cacca e pipì in strada ai loro animali creava un forte disagio a chi su quella strada, e nei palazzi che vi si affacciavano, era costretto a viverci.
Sarebbe stato un vicino a segnalare ai vigili quel cartello affisso da Paolo, con cui chiedeva un po' di rispetto per sua figlia Giulia e per chi non voleva che dalle finestre entrasse quell'insopportabile puzzo di urina.
"Lo tolga", avevano avvertito gli uomini del Comune. E dopo qualche giorno, ecco la maxi-multa. I maleducati proprietari degli animali la faranno probabilmente franca ma Paolo rimane con una multa che non ha modo di pagare.
Dal Campidoglio, a cui ha scritto, suggeriscono di fare ricorso ma, a chiamarlo, dopo una lettera di supplica, è stato, pensa un po', papa Bergoglio.
"Lavoravo da esterno come calligrafo per la Santa Sede", spiega Iraci al Corriere. Poi la disoccupazione. E ora una mano tesa dal Vaticano. Che non basta, per risolvere tutti i suoi problemi ma è già qualcosa.
Ma pensa tè, e tutto per una cacca lasciata li da qualche sporcaccione!
18/10/2017
Pidrén, l'anvud del magnòn d'i-j Ort - Piero Archenti - redazione@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Arti tra le mani
Arti tra le mani
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello