Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e lavoro

Imprese straniere a quota 9,7 per cento

La provincia di Alessandria è uno dei territori in cui è maggiore il peso di questa imprenditoria come emerge dalla fotografia scattata da UnionCamere Piemonte a fine 2016
ECONOMIA E LAVORO - La provincia di Alessandria è uno dei territori in cui è maggiore il peso della imprenditoria straniera, che tocca il 9,7 per cento (un dato analogo a quello di Cuneo). Solo di poco più bassa (9 per cento) è l'incidenza delle imprese straniere sul totale di quelle registrate. L'anno scorso il trend di crescita si è però contratto, con la provincia alessandrina che si è attestata sul 2,8 per cento contro il 5,6 per cento del Verbano Cusio Ossola, il 4 di Torino, il 3,4 di Asti. È questa la fotografia dell'andamento delle imprese straniere scattata da UnionCamere Piemonte e che nel 2016 ha registrato un incremento del 3,5 per cento. Delle circa 438mila imprese con sede in regione alla fine dello scorso anno, poco meno di una su dieci risulta guidata da stranieri: in base ai dati del Registro imprese delle Camere di commercio emerge come al 31 dicembre dell’anno appena concluso le imprese straniere registrate in Piemonte erano 41.459. “Nonostante il perdurare di condizioni congiunturali ancora non del tutto favorevoli, la componente straniera del tessuto imprenditoriale regionale – sottolinea Ferruccio Dardanello, presidente di UnionCamera Piemonte - ha mostrato una vivacità superiore a quella delle imprese piemontesi nel loro complesso, grazie a un numero di iscrizioni superiore alle cessazioni”. Durante lo scorso anno, a fronte della nascita di 4.936 imprese straniere, si sono registrate solo 3.522 cessazioni (valutate al netto delle cessazioni d’ufficio), per un saldo positivo pari a 1.414 unità.

Analizzando l’imprenditoria straniera in base al territorio d’insediamento emerge come, anche nel 2016, circa sei imprese straniere su dieci di quelle registrate in Piemonte trovino la sede legale in provincia di Torino; seguono Cuneo e Alessandria. Analizzando i tassi di crescita degli ultimi quattro anni emerge come, mentre per il totale delle imprese piemontesi la dinamica sia stata sempre negativa (sebbene in attenuazione nell’ultimo biennio), la performance delle imprese straniere sia stata sempre accompagnata dal segno più, raggiungendo nel 2016 un tasso di crescita del 3,5 per cento.

A livello settoriale, il primo comparto per presenza di imprese straniere risulta quello delle costruzioni, con 13.405 unità. Il settore edile ha evidenziato “per la componente straniera una sostanziale stabilità, registrando un tasso di crescita del +1,2 per cento”. Tra i principali settori di specializzazione delle imprese straniere troviamo poi il commercio, che ha manifestato “una dinamica positiva” (+2,4 per cento), il turismo, cresciuto del 6,3 per cento, e le attività manifatturiere (+7,1 per cento). “Esaminando le informazioni disponibili per le imprese straniere relativamente alla forma giuridica assunta – si legge su una nota UnionCamere - si rileva come l’84 per cento assuma la forma di imprese individuali e nell’8 per cento dei casi si strutturino come società di persone; solo il 7 per cento si costituisce come società di capitale e l’1% assume altre forme”. Infine confrontando le imprese straniere con quelle totali, la ricerca evidenzia “per le prime una maggior predilezione per la forma della ditta individuali e un peso decisamente inferiore per le forme della società di persone e della società di capitale”. La nazionalità maggiormente rappresentata tra gli imprenditori stranieri è quella rumena, che, nel 2016, ha quasi raggiunto la soglia delle 11mila posizioni imprenditoriali, il 19,0 per cento di quelle straniere. Seguono i marocchini (9.624), gli albanesi (4.888) e i cinesi (4.888), con quote rispettivamente pari al 16,9 per cento, 8,6 e 7,5. 
22/03/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film