Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Denunciati per truffa al parroco

Tre uomini avevano architettato una vera e propria organizzazione dedita alla truffa e al raggiro mettendo a segno diverse truffe approfittando della particolare predisposizione dei parroci “di paese” in favore dei più deboli
SAN SALVATORE - Nei giorni scorsi i Carabinieri di San Salvatore Monferrato a conclusione dell'attività di indagine iniziata dopo la segnalazione di un anziano parroco di un comune vicino che si era rivolto ai militari della locale Stazione denunciando di essere stato vittima di una raggiro sapientemente orchestrato da un finto “bisognoso” che, dopo essersi rivolto a lui, riusciva ad ottenere un aiuto economico per far fronte ad esigenza di vitale importanza, hanno denunciato alla Procura della Repubblica tre soggetti pluripregiudicati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla sostituzione di persona. Le indagini, protrattesi per alcuni mesi, hanno permesso di stabilire che l’illecito denunciato presso l’Arma di San Salvatore non era un episodio isolato e che il sedicente bisognoso non operava da solo ma si avvaleva della collaborazione di altri due uomini. I tre, due italiani e un rumeno, tutti residenti nelle Marche, avevano architettato una vera e propria organizzazione dedita alla truffa e al raggiro che, come è emerso nel corso delle indagini, operava su tutto il territorio nazionale, mettendo a segno diverse truffe, tutte con un comune denominatore: approfittare della particolare predisposizione dei parroci “di paese” all’intervento in favore dei bisognosi e dei più deboli.

Le richieste dei truffatori, accolte dagli ignari parroci, si concretizzavano con il versamento di somme variabili (da qualche centinaio sino a svariate migliaia di euro) su postepay intestate a soggetti fittizi per evitare i controlli da parte delle autorità. I tre truffatori ritiravano poi in contanti quanto versato rendendo di fatto non ricostruibile la provenienza illecita del denaro. Le indagini, tuttora in corso hanno permesso di attribuire ai soggetti sopra indicati già 12 episodi illeciti, ma si ritiene che  le truffe possano essere molte di più.

I Carabinieri di Spinetta Marengo hanno denunciato in stato di libertà per truffa un 49enne residente in provincia di Genova. I militari dell’Arma, a seguito di una querela presentata dalla titolare una società, al termine di accertamenti di polizia giudiziaria, hanno identificato in un impresario edile il soggetto che nel dicembre scorso aveva ordinato alla parte offesa e ritirato una fornitura di pneumatici per un valore di 650 euro garantendone il successivo pagamento a mezzo di bonifico bancario che invece non è mai stato effettuato.
4/04/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film