Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Due questioni da risolvere: via Vespucci al Cristo e la sosta selvaggia davanti al Volta

Queste due delle problematiche cittadine affrontate nel Consiglio comunale di martedì 2 aprile, dopo aver votato (anche se fuori tempo massimo) l'ordine del giorno 'modificato' sul Congresso delle Famiglie di Verona e avendo buttato lo sguardo ancora più fuori dai confini, con la "richiesta di solidarietà all'avvocato iraniano Nasir Sotoudeh, condannata alla prigione per aver combattuto per i diritti delle donne" proposta da Iacovoni
 ALESSANDRIA - Non poteva che iniziare così il Consiglio comunale (foto di repertorio) di martedì 2 aprile, con la votazione dell'ordine del giorno rimasto 'in sospeso' la settimana prima sul Congresso delle Famiglie di Verona. 'Solidarietà a chi ha ricevuto insulti' è la versione modificata che hanno deciso di sostenere la Lega, nonostante la diversità dalla prima versione a firma Evaldo Pavanello, Emanuele Locci e il gruppo di SiAmo Alessandria. Astenuti i consiglieri di Forza Italia, così come Piero Castellano di Fratelli d'Italia, che duramente “sosteneva i valori fondanti di quel Congresso”, che in questa versione scompaiono. Contrari i 5 Stelle, mentre la minoranza di centrosinistra ha deciso di non partecipare al voto. Anche se 'fuori tempo massimo' l'ordine del giorno è stato approvato. Un altro ordine del giorno, di interesse internazionale, è stato presentato dal vice presidente del Consiglio comunale, Lorenzo Iacovoni. Questa volta però l'aula si è espressa all'unanimità, sostenendo la richiesta di “solidarietà verso Nasir Sotoudeh, l'avvocato donna iraniana che è stata condannata a 33 anni di prigione e a frustate per aver difeso e combattuto pacificamente per la difesa dei diritti delle donne e contro la pena di morte”.

Niente discussione su “bilancio o centri sportivi comunali” come si aspettava (ironicamente,ndr) Paolo Berta. Ma il Consiglio comunale ha anche affrontato due problematiche importanti della città. La prima che riguarda l'ormai storica vicenda di via Vespucci al Cristo e l'altra la sosta selvaggia durante l'orario di uscita da scuola davanti all'istituto Volta. E alla presenza del nuovo capogruppo del Quarto Polo, Simone Annaratone, entrato ufficialmente al posto di Oria Trifoglio. 

Per gli abitanti del Cristo, finalmente una situazione “ripresa” in mano, che farà partire la procedura per arrivare a risolvere il problema di quella strada: via Vespucci. Una questione già affrontata in commissione Territorio, per la quale si sono spesi in molti, sia della minoranza (Berta) che della maggioranza (Bovone, firmatario della mozione). Ancora lontana la risoluzione definitiva con il via ai lavori, “perché ora gli uffici stanno finendo il progetto, che poi dovrà ripassare in Consiglio comunale trattandosi di una modifica urbanistica e poi potrà entrare di diritto nel piano triennale dei Lavori pubblici, con relativo finanziamento”. Queste le rassicurazioni dell'assessore Giovanni Barosini che ha spiegato tutti i prossimi passaggi.

Infine, sempre in materia di viabilità la questione che interessa diverse zone della città dove ci sono le scuole, ma che in questo caso il Movimento 5 Stelle ha deciso di concentrare su spalto Marengo, all'altezza dell'istituto superiore Volta che in certi orari è “bloccato” da auto di genitori in tripla fila per aspettare i figli. “Più una questione di poca civiltà” per l'assessore Davide Buzzi Langhi, che ha detto no alla proposta dei grillini, “almeno per il momento”. L'idea era quella di pensare di aprire e sistemare a pista ciclopedonale quel tratto di terreno laterale alla scuola e che sbuca in viale Milite Ignoto, così da farlo utilizzare ai ragazzi in uscita per raggiungere i genitori che aspettano non più in mezzo alla strada, ma nella vicina piazza Divina Provvidenza. “Poca spesa, solo una rete di 40 metri e l'asfaltatura della strada” per il Movimento. “Anche se risolvesse il problema solo al 20%...la richiesta è davvero fattibile con poche risorse. E comunque un po' il traffico sullo spalto sarebbe decongestionato” sono state le parole di Enrico Mazzoni (Pd).

Ma allora perché no? “Intanto perché il terreno è dell'Asl e la concessione al Comune per 30 anni, scade tra 10. Quindi sarebbe per poco tempo. Poi perché le problematiche da risolvere in città sono tante....”. E le risorse poche. “Quindi ci sentiamo di destinarle altrove per il momento”.  E' stata la risposta del vicesindaco. La sosta selvaggia in quella zona resta quindi per ora 'irrisolta'. E la sola speranza che arriva da qualche consigliere di maggioranza è che “facendo un po di formazione e informazione si possa fare leva sui ragazzi”. Sul loro buon senso e su quello delle famiglie.
4/04/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile