Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Materia Grigia

Di Masi blinda Stellini e punta il dito sui giocatori: "Con il Pisa voglio un altro atteggiamento"

Per il presidente Di Masi il deludente avvio di campionato è responsabilità dei giocatori, "sono stati messi nelle migliori condizioni possibili per dare quel qualcosa in più che invece fino ad oggi non ho visto. Stellini? Non si tocca"
MATERIA GRIGIA - Dopo essere rimasto nell’ombra per diverso tempo lasciando le ‘luci della ribalta’ al ds Paquale Sensibile, il presidente Luca Di Masi ha deciso di (ri)metterci la faccia convocando una conferenza stampa nel pomeriggio di martedì 17. Saputa la notizia, tra gli addetti ai lavori si sono iniziate a formulare ipotesi e congetture più o meno fantasiose. Allenatore in discussione? Qualcosa da ridire sulle scelte di mercato del direttore sportivo? Qualche tipo di provvedimento diretto ai giocatori? Niente di tutto ciò. Per quanto riguarda l’ultimo interrogativo, però, occorre aggiungere almeno per il momento. Sì, perché sul banco degli imputati per il patron grigionero c’è solo la squadra. “Domenica dovremo avere un atteggiamento completamente diverso. A questi giocatori è stato dato tutto, sono stati messi nelle migliori condizioni possibili per dare quel qualcosa in più che invece fino ad oggi non ho visto. Hanno a disposizione uno staff da far invidia alle categorie superiori”. Di Masi difende la qualità e la solidità della ‘struttura Alessandria Calcio’, dallo staff tecnico ai metodi di lavoro adottati durante la settimana, “ma evidentemente la professionalità non basta se poi alla domenica non tiriamo fuori quello che abbiamo dentro. Questo è il motivo principale per cui non riusciamo a portare a casa le partite”.

Massima fiducia a Cristian Stellini, su questo il Presidente è categorico. “Chi pensa che Stellini sia a rischio esonero se lo tolga pure dalla testa. Il mister ha tutta la mia fiducia - ribadisce Di Masi - perché settimanalmente vedo la qualità del suo operato, e vedo anche quanto i giocatori seguano il loro allenatore. Credo che Cristian Stellini possa darci moltissimo. Sa di aver fatto qualche errore ma lavora sodo ogni giorno per migliorare. Lo staff, così com’è, è perfetto per raggiungere i massimi obiettivi”.

La partita di domenica sera con il Pisa diventa a questo punto una sorta di spartiacque, “se vedrò l’atteggiamento giusto, la cattiveria necessaria che finora ci è mancata, bene. Altrimenti inizieremo a prendere i dovuti provvedimenti”. Dopo lo 0-0 con l’Arzachena l’allenatore ha avuto un duro confronto con la squadra, per la prima volta manifestando apertamente i primi sintomi di insofferenza per quella mancanza di grinta e di attributi confermata in conferenza stampa da Luca Di Masi. Confronto che è poi proseguito prima del solito allenamento di inizio settimana. “Durante gli allenamenti vedo tutto ciò che poi non ritrovo in campo la domenica. La perfezione durante la settimana non è sufficiente se poi non diamo il massimo per vincere le partite” prosegue Di Masi.

Prestazioni deludenti dovute ad un’errata preparazione atletica? “Assolutamente no. Fisicamente stiamo benissimo, i carichi di lavoro estivi sono smaltiti, non siamo in deficit”. Qualcuno tra i presenti prova ad entrare più nello specifico facendo qualche nome tra quei giocatori apparsi finora più in ombra: “Gonzalez? Certamente anche lui rientra tra quelli che devono dare molto di più. L’atteggiamento delle ultime partite non mi è piaciuto. Pablo non è un giocatore che può permettersi di fare il compitino, deve trascinare i compagni. Ad ogni modo sarebbe ingiusto addossargli tutte le responsabilità. Non è Gonzalez da solo che deve farci vincere le partite”. 

Tra i tifosi la pazienza si sta esaurendo, già qualcuno inizia a chiedere la testa di direttore sportivo ed allenatore. Il presidente, però, ha tutta un’altra impressione. “I tifosi ci sono molto vicini nonostante il momento. Vengono spesso qui a Spinetta ad incoraggiarci durante gli allenamenti. Incitano l’allenatore così come i giocatori. Qualche giorno fa erano qui con gli striscioni. Evidentemente vedono qualcosa di buono in questo gruppo”. 

Domenica sera il Moccagatta tornerà presumibilmente quello di prima, almeno per quanto riguarda la cornice di pubblico considerati i cambiamenti a livello strutturale dopo la riqualificazione dell’impianto. “La partita con il Pisa può favorirci per il calore del nostro pubblico ed il blasone dell’avversario” sottolinea Di Masi. Ad ogni modo gli obiettivi dell'Alessandria non cambiano. "Non sono queste prime otto partite a ridimensionare le nostre ambizioni. Al momento non guardo alla classifica, è troppo presto".

Si tira dritto con Stellini, insomma. In attesa che questa squadra. oltre che la via del gol, ritrovi cuore ed anima (questi sconosciuti, per adesso...).
18/10/2017
Alessandro Francini - sport@alessadrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Arti tra le mani
Arti tra le mani
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello