Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza sulle Donne: un percorso di 12 eventi lungo 18 giorni

Un calendario di eventi promossi dall'Assessorato alle Pari Opportunità del Comune, la Consulta e numerose associazioni per la Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza sulle Donne che è il 25 novembre. 12 appuntamenti che si snodano dal 21 del mese fino all'8 di dicembre
 ALESSANDRIA - Un tema importante, quello del contrasto alla violenza sulle donne, celebrato nella Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza sulle Donne il 25 novembre, porterà ad Alessandria una serie di iniziative ed eventi: 12 appuntamenti lungo un'arco di 18 giorni, dal 21 novembre fino all'8 dicembre grazie al lavoro dell'Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Alessandria, della Consulta Comunale Pari Opportunità e dalle stesse Consultrici, in qualità di rappresentanti delle Associazioni che promuovono le diverse iniziative in calendario.

Si tratta di riflessioni su cui Alessandria ha già più volte dimostrato sensibilità e coinvolgimento, per contribuire a creare, anche a livello locale, un humus in grado di fronteggiare efficacemente i fenomeni di sistematica aggressione della donna, in tutte le sue subdole, drammatiche e troppo spesso devastanti espressioni. "Un tema purtroppo sempre più attuale - ha commentato l'assessore Cinzia Lumiera - come dimostrano i dati che parlano nel 2018 di un aumento del 30% dei casi di femminicidio". Per questo anno, per motivazioni tecniche e burocratiche troppo lunghe, non si potrà mettere la "bandiera a mezz'asta come era stato richiesto da Anci. Ma mi impegnerò per inserirla tra le motivazioni che permettono di farlo....per il prossimo anno". Intanto invece confermato il drappo "No violenza sulle donne" che sarà esposto dal balcone del sindaco a Palazzo Rosso.

"Anche quest’ anno — sottolinea Vittoria Poggio, Presidente della Consulta Comunale Pari Opportunità di Alessandria — la Consulta, in stretta sinergia con l’ Assessorato alle Pari Opportunità ha voluto organizzare iniziative volte a richiamare l’attenzione della nostra comunità cittadina su quanto il rispetto della donna sia un valore essenziale di una comunità civile e, allo stesso tempo, ribadire la ferma condanna a tutti coloro che intraprendono atti di violenza nei confronti delle donne. Una programmazione consapevole di azioni coordinate — che includano forti iniziative di prevenzione che auspichiamo possano cambiare la cultura imperante, portando avanti concreti contributi di educazione civica — deve essere sostenuta fermamente perché il rispetto dell’altro è il fondamento di ogni convivenza".

Tra i singoli eventi e proposte del calendario 2018, si segnala in particolare quello direttamente promosso dall’Assessorato Comunale alle Pari Opportunità e dalla Consulta Comunale Pari Opportunità di Alessandria, con la fattiva collaborazione del Club Inner Wheel di Alessandria. Si tratta dello spettacolo teatrale contro la violenza sulle donne intitolato “CUORE UNICO”, in programma il prossimo 27 novembre, ore 18.00 al Teatro Parvum (via Mazzini 85 – Alessandria). Scritto e diretto da Raffaella Giani, si tratta di una autobiografia che narra il processo di elaborazione del trauma di Clara, una donna vittima di violenza di gruppo all’età di 12 anni". L'obiettivo non è quello di far conoscere cosa è la violenza, ma far capire come reagire al trauma che essa provoca in ogni donna vittima, come spiegato dalla stessa Giani.

Il programma complessivo delle iniziative ad Alessandria si articola in 12 eventi, dal 21 novembre al prossimo 8 dicembre 2018: il 21 novembre alle ore 20.45, a cura di F.I.D.A.P.A. BPW Italy (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari) sezione di Alessandria, presso il Palazzo Melchionni-Spazio Eventi (ingresso via Sappa 1 - Alessandria), si terrà un intrattenimento musicale con reading poetico-letterario dal titolo “Le Donne nella canzone, tra passione e violenza”. Racconti e musica partendo dagli anni '70-'80 che trattano di questo tema. Fidapa affiggerà anche un manifesto in città "Insieme si può. Indietro non si torna" a rimarcare che le cose non sono cambiate nel tempo, ma che passi in avanti ne sono stati fatti.

Quale momento particolarmente simbolico, nell’ambito del calendario degli eventi, si segnala inoltre quello di venerdì 23 novembre alle ore 11.30. A cura del C.I.F. (Centro Femminile Italiano) in collaborazione con Soroptimist e Zonta Club, che si svolgerà presso la Cappella del Cimitero Urbano (via Monteverde) con la deposizione di una rosa di colore arancione (il colore brillante ed ottimista, scelto dall’ONU come simbolo a livello mondiale) e un momento di preghiera in suffragio di tutte le donne che hanno perso la vita vittime di violenza.

Lunedì 26 novembre "Minuto di Silenzio in ricordo delle vittime di femminicidio- Un giorno solo Non basta" è l'iniziativa promossa da Zonta Club Alessandria e Ministero della Giustizia all'interno delle carceri Don Soria e di San Michele.

Il weekend 24 e 25 novembre al Palazzetto dello Sport propone il progetto "Non ti temo mi difendo" che è inserito in calendario e al quale non ha aderito Me.Dea che con una comunicazione ha dato le proprie motivazioni alla base di questa scelta. "Pur confidando nelle buone intenzioni dei promotori, Me.dea ha deciso di rifiutare qualsiasi partecipazione, per una serie di motivazioni: l’attività proposta è incoerente con la vision del Centro Antiviolenza Me.dea, e più in generale dei centri antiviolenza della Rete Nazionale, l’autodifesa alimenta stereotipi sulla violenza, che distolgono dal reale problema della disparità tra i generi, genera allarmismi sociali e sdogana l’uso della violenza come risposta a un problema che è prima di tutto culturale e necessita riflessioni ben più profonde, guardando alle statistiche sappiamo che l’80% delle aggressioni verso le donne avviene tra le mura domestiche, secondo dinamiche proprie delle relazioni affettive, che non si arrestano con l’autodifesa, bensì con un accurato lavoro di rielaborazione da parte delle donne e offrendo loro tutele giuridiche, protezione e sostegno verso l’autonomia e infine in presenza di figli nelle relazioni violente, l’autodifesa rende i bambini vittime di una doppia violenza assistita, con pesanti conseguenze psicologiche".

L’ultima proposta in calendario è infine prevista per il prossimo 2 e 8 dicembre, alle ore 10.30 e 19.30 presso il “Cento Grigio” (via Bonardi 22 - Alessandria). Qui, a cura di Zonta Club di Alessandria in collaborazione con Alessandria Volley, si terrà l’evento “Giù le mani dalle Donne”. Si tratta di un intervento di sensibilizzazione dei giovani e delle famiglie sulla violenza nei confronti di donne e bambine nell’ambito della campagna “Zonta Says No to Violence against Women”. Una azione di sensibilizzazione che si unisce allo sport: domenica 2 dicembre con la partita dell'Under 18 di Volley e l'8 dicembre con quella della Serie C Femminile.

QUI IL CALENDARIO COMPLETO DI TUTTI GLI EVENTI E I DETTAGLI.
17/11/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film