Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Analisi e documenti “non conformi” nelle cave sotto indagine

Prosegue il processo contro alcuni imprenditori nel settore cave e rifiuti, finiti sotto inchiesta con l'operazione “Triangolo”. Nelle cave stoccato materiale proveniente da cantieri di Liguria e Piemonte, ma la documentazione e le analisi non erano completi
CRONACA – Difficile ricostruire cosa è stato sepolto negli anni nelle cave dell'alessandrino, finite sotto inchiesta con l'operazione “Triangolo”, portata avanti dai Noe e dalla Forestale di Alessandria, coordinati dalla procura distrettuale antimafia di Torino.
Davanti al tribunale di Alessandria, proseguono le udienze del maxi processo, che vede imputati diciannove persone, tra le quali nomi noti dell'imprenditoria alessandrina nel settore delle cave e della lavorazione rifiuti. Un centinaio i testimoni che saranno chiamati a rendere deposizioni davanti al giudice del tribunale di Alessandria.
Ieri, in aula, sono stati ascoltati altri testimoni e, in particolare i tecnici Arpa che hanno eseguito rilievi ed analisi, incrociando dati e tabelle ed eseguendo campionamenti sul campo.

Sono state prese in esame, nell'udienza di ieri, alcune cave o impianti gestiti da Francesco e Daniele Ruberto, cava Cabannoni, l'impianto Castra, e l'impianto Sap di Valerio Bonanno, ora chiuso. Nel periodo preso in analisi, secondo quanto riportato dai tecnici Arpa, parte della documentazione non era “conforme”, non venivano in alcuni casi eseguite le analisi corrette sulle terre conferite, proveniente dai cantieri, o venivano accettate terre o rifiuti per il quali non vi era autorizzazione. 
Nelle analisi effettuate direttamente da Arpa, sono stati rilevati limiti superiori a quelli consentiti per legge di metalli pesanti o altre sostanze, tra cui nichel, cadmio, cromo totale.
Difficile però ricostruire, stante la documentazione, dove e cosa esattamente sia stato conferito. 

Elementi, quelli portati in aula dai tecnici Arpa, già in parte raccontati anche dai precedenti testimoni, i tecnici della Provincia, ente che rilasciava le autorizzazioni, poi disattese, secondo quanto emerso fino a ieri.

La prossima udienza, durante la quale compariranno altri testimoni, è stata fissata per il 25 ottobre.
A processo sono: Giorgio e Alberto Franzosi; Valerio Bonanno, alla guida della Sap; Ugo Busi e Daniela Busi, a capo della Busi Ugo di Castelceriolo (Alessandria); Francesco Paolo Caovilla, di Sarezzano, dipendente della Franzosi Cave; Ines Capuana, residente in Svizzera, già amministratore della Ecoge di Genova; Alessandro Cavanna, di Sant’Olcese (Genova), gestore della Ecoge insieme a Gino Mamone, residente ad Avolasca e marito della Capuana, anch’egli a processo; Sandro Gandini e Andrea Gandini, padre e figlio di Voghera, titolari della Autotrasporti Gandini e della Eurosabbie; Francesco Ruberto e Daniele Ruberto, padre e figlio alla guida delle aziende Idrotecnica, Ruberto Scavi, Ruberto Spa e Immobiliare Patrizia, indagati insieme a Patrizia Guarnieri, moglie di Francesco Ruberto e titolare della Edilderthona; Giorgio e Christian Perasso, di Arquata Scrivia, alla guida della Perasso Giorgio; Mansueto Serreli, di Alessandria, gestore della ex cava Vidori di Tortona per conto di Ruberto; Loredana Zambelli, di Serravalle Scrivia, responsabile del laboratorio Biogest di Novi Ligure; Laura Zerbinati, di Druento (Torino), consulente del gruppo Ruberto.
26/09/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film