Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Ritorno alla terra, più che una moda è una necessità

Gli under 40 tornano a lavorare nell'agricoltura, “ma partire da zero è quasi impossibile se non si hanno capitali iniziali da investire". C'è allora chi punta sul bio e su prodotti di nicchia
PROVINCIA - Giovani braccia rubate all'agricoltura, si diceva negli anni Ottanta per indicare il fenomeno dell'abbandono delle campagne da parte delle nuove generazioni, attratte dai nuovi lavori metropolitani. Nel nuovo millennio l'agricoltura sembra tornare a riprendesi le “braccia” un tempo rubate.
Un mito, quello del ritorno ai ritmi naturali della terra che attira giovani. A volte accade per scelta, a volte per necessità. Moda, fenomeno sovrastimato, o realtà? C'è del vero, secondo i dati forniti dalle associazioni di categoria, “ma non è facile come sembra”, avvisa chi ci ha provato.
Partiamo dai dati: a livello nazionale salgono a quasi 600 mila le imprese italiane condotte da under 35 con un saldo positivo record di 50 mila rispetto all’inizio dell’anno, tra nuove iscrizioni e chiusure, con l’Italia che si colloca così ai vertici dell’Unione Europea in termini di numero di giovani imprenditori. E’ quanto è emerso dal primo studio su “Bamboccioni a chi? i giovani italiani che fanno l’impresa” elaborato dai giovani della Coldiretti.
Si tratta per lo più di aziende di piccole e medie dimensioni (rappresentano il 99,% delle nuove attività). A livello locale fornisce un'idea dell'andamento la Cia (Confederazione Italiana Agricoltori), basandosi sulle richieste di insediamento per usufruire dei Fondi Psr (piano di sviluppo rurale). Il totale dei richiedenti alessandrini under 40 sono 123, di cui 93 ammessi al finanziamento. Solo in ambito Cia le domande presentate sono 45, di cui 40 ammesse.

Non è tutto oro quel che luccica, avverte però Alessandro Calvi di Bergolo (foto a destra), titolare dell'azienda Castello di Piovera e referente per i giovani di Confagricoltura. “Non c'è un vero e proprio ritorno all'agricoltura – dice – nel senso che non si registrano nuovi avvii di imprese agricole in senso stretto. Accade, però, che i giovani decidano di rilevare le aziende dei padri o dei nonni, magari apportando qualche innovazione”. Il lavoro nei campi, quindi, non sempre è una scelta, non sa di bucolico, ma diventa una necessità, per mancanza di alternative negli altri settori produttivi (“piuttosto che fare il disoccupato in città..”) o per non gettare quanto è stato costruito prima. “Aprire una nuova azienda oggi è quasi impossibile – dice Calvi di Bergolo – I finanziamenti europei sono praticamente inaccessibili, i bandi complicati. Il Pac 2014/2020 è vero e proprio un caos. Se non si dispone già di un patrimonio di partenza, è difficilissimo avviare una attività”. Qualcuno ci prova, “pionieri coraggiosi”, li definisce, che si buttano più che altro nel “bio” o in mercati di nicchia: “per lo più sono piccole attività, che puntano ad una vendita diretta”. Nessun dipendete, o poche unità, è economia di sussistenza.

E' più o meno dello stesso avviso Davide Garoglio, referente per Cia (foto a sinistra): “io ho rilevato l'attività di mio nonno, a Villaideati, dove produciamo vino, nocciole ed abbiamo aperto un agriturismo. E' stata più che altro una scelta dettata dall'esigenza. Ci siamo chiesti che fare dell'azienda del nonno e ci abbiamo scommesso”. Davide non si è pentito della decisione, ma ammette che è dura: “in fatto di burocrazia siamo passati da un livello pari a zero, o quasi, fino a 1000”.
“La crisi in agricoltura è iniziata più tardi rispetto ad altri settori, nel 2011. C'è stata una vera e propria rivoluzione. Per dire l'ultima: oggi, con i biodigestori, conviene produrre mais per bruciarlo, invece di completare il ciclo”, spiega Alessandro Calvi di Bergolo. Ma, a quel punto, si entra in conflitto con quella che è l'etica dell'agricoltura, produrre per nutrire e non per distruggere.
La svolta, secondo il giovane di Confagricoltura, è quella di abbinare l'offerta agricola con il turismo, “attraverso accordi con università, enti, associazioni”. La strada è ancora lunga.
5/02/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Gli obiettivi della Cisl Al-Asti al Congresso nazionale a Roma
Gli obiettivi della Cisl Al-Asti al Congresso nazionale a Roma
 Bonus mamma, bebè e permessi: ecco tutte le novità
Bonus mamma, bebè e permessi: ecco tutte le novità
Gig Economy: in Provincia 1000 profili attivi. Per lo più donne
Gig Economy: in Provincia 1000 profili attivi. Per lo più donne
Aliante precipitato, le immagini
Aliante precipitato, le immagini
I 203 anni dell'Arma dei Carabinieri
I 203 anni dell'Arma dei Carabinieri
Una domenica pomeriggio in occasione delle Cantine Aperte nella distilleria di Altavilla della famiglia Mazzetti
Una domenica pomeriggio in occasione delle Cantine Aperte nella distilleria di Altavilla della famiglia Mazzetti