Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Incubo Pm10, la pianura Padana nella morsa dell'inquinamento

La provicia di Alessandria è al dodicesimo posto nella classifica delle zone più inquinate d'Italia con 65 superamenti di soglia (oltre i 50 microgrammi) di Pm10. 35 sono quelli “consentiti” in un anno. Alessandria nel corso del 2016, stando alla classifica pubblicata qualche giorno fa da Il Corriere della Sera, ha sforato di trenta giorni
PROVINCIA – Torino peggio di Milano, Alessandria meglio di Asti, ma non c'è comunque da stare tranquilli. La provicia di Alessandria è al dodicesimo posto nella classifica delle zone più inquinate d'Italia con 65 superamenti di soglia (oltre i 50 microgrammi) di Pm10.
35 sono quelli “consentiti” in un anno. Alessandria nel corso del 2016, stando alla classifica pubblicata qualche giorno fa da Il Corriere della Sera, ha sforato di trenta giorni.
L'allarme intanto è scattato anche nei giorni scorsi. Il clima secco e freddo fa aumentare infatti le concentrazioni di particelle inquinanti.
Dal 29 dicembre 2016 al 3 gennaio la soglia non è mai scesa sotto il livello di guardia. Ci ha “salvato” il vento di mercoledì, che ha aiutato a ripulire l'aria ma da oggi, sabato 7 gennaio, torna alta l'attenzione. Il problema non è solo alessandrino, rigurda tutta l'area della pianura Padana.
La Regione Piemonte ha attivato dallo scorso anno un sistema di monitoraggio, che si avvale dei dati Arpa, introducendo dei colori, corrispondenti a misure suggerite: dal giallo al rosso. Si chiama “Protocollo Antismog” ed è stato riattivato lo scorso 2 novembre.
Con il livello 1, giallo, si suggerisce il blocco parziale delle auto più inquinanti, fino al blocco totale con il livello tre, rosso.
Secondo Legambiente si tratta però si misure di emergenza e chiede, invece, un cambio di rotta più incisivo. Inoltre, la maggior parte dei comuni piemontesi, e Alessandria non fa eccezione, non hanno ancora adottato il protocollo regionale, che impone le misure di attenuazione.
Arpa, ente di controllo, ha il compito di segnalare. La politica avrebbe il compito di intervenire. 
7/01/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus


Intervista al regista Marco Sciaccaluga allo Stabile di Genova
Intervista al regista Marco Sciaccaluga allo Stabile di Genova
Intervista con il grande Eros Pagni a Novi Ligure
Intervista con il grande Eros Pagni a Novi Ligure
Scuola e Mobilità, il punto con Uil Informa
Scuola e Mobilità, il punto con Uil Informa
Incendio alla raffineria di Sannazzaro
Incendio alla raffineria di Sannazzaro
Coldiretti: il tavolo di crisi per i danni del maltempo non può aspettare
Coldiretti: il tavolo di crisi per i danni del maltempo non può aspettare
Coldiretti, la conta dei danni per le produzioni agricole
Coldiretti, la conta dei danni per le produzioni agricole