Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Politica

Federico Fornaro è tra i parlamentari più 'produttivi'. Top e flop degli eletti in provincia

Al top Fornaro e Borioli. Flop di Repetti al Senato. A Montecitorio l'indice di produttività non è elevatissimo, nella media nazionale. Ecco i dati elaborati da Openpolis.
POLITICA – Il 2016 è stato sicuramente un anno di cambiamenti politici importanti e rivoluzioni politiche. Ma come si sono comportati gli eletti che abbiamo votato e fato sedere nella Camera dei Deputati e in Senato? O meglio, sono stati produttivi o meno i nostri eroi?

D'accordo, gli onorevoli esercitano le proprie funzioni senza vincolo di mandato, ma è giusto che gli elettori possano valutare il loro operato, anche – ma non solo – attraverso l'indice di produttività. Che roba è? È un dato di sintesi ricavato da una serie di punteggi assegnati in base ai percorsi dei provvedimenti (ddl o legge) e dei relativi firmatari. Più si avvicina al completamento e più aumenta il punteggio. Non si guada il merito, beninteso. Ci sono tanti altri parametri (interventi in aula, presenze, voti…) che Openpolis si prende la briga di analizzare per  stilare annualmente una classifica su quanto sono 'efficaci'  Deputati e Senatori. Di contro si tende a scoraggiare la produzione di scartoffie giusto per intasare la politica nostrana, notoriamente bizantina.

Guardiamo a casa nostra: in provincia di Alessandria il senatore PD Federico Fornaro, secondo la statistica Openpolis, è the best: 29esimo a Palazzo Madama, terzo a livello piemontese. Un altro politico di professione, Daniele Borioli, è 12mo in Piemonte, ma 165mo sui 315 componenti. Maglia nera per la collega del gruppo Misto, ex fedelissima azzurra, la novese Manuela Repetti: ultima senatrice piemontese per produttività e 300esima nazionale, roba da retrocessione calcistica.

A Montecitorio la produttività dei Nostri non è elevatissima: Fabio Lavagno, ex SEL (uno dei gruppi più produttivo) ora PD, ha fatto un anno da mediano, ovvero, 324esimo (su 630). sui 44 Deputati regionali è solo 26esimo. Cristina Bargero, anche lei Democratica, è ancora più sotto: 407esima a livello nazionale.

In generale, commentano da Openpolis, i membri della maggior parte dei gruppi di Camera e Senato hanno risultati che non raggiungono il trend generale dell’aula, ovvero la maggior parte produce meno della media. I meno attivi sono in Forza Italia (86% dei componenti sotto la media), Scelta civica – Maie (75%) e Partito Democratico (72,09%).

Si confermano molto “virtuosi”, nell'ordine, Lega Nord, Si-Sel e il Movimento 5 Stelle.

4/01/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus


Bilancio 2016 tra disoccupazione e aziende in crisi
Bilancio 2016 tra disoccupazione e aziende in crisi
Intervista a Vittorio e Gianni Nocenzi del Banco del Mutuo Soccorso in concerto a Valenza
Intervista a Vittorio e Gianni Nocenzi del Banco del Mutuo Soccorso in concerto a Valenza
Quattro Chiacchiere con Ale e Franz a Novi Ligure
Quattro Chiacchiere con Ale e Franz a Novi Ligure
Incendio alla raffineria di Sannazzaro
Incendio alla raffineria di Sannazzaro
Coldiretti: il tavolo di crisi per i danni del maltempo non può aspettare
Coldiretti: il tavolo di crisi per i danni del maltempo non può aspettare
Coldiretti, la conta dei danni per le produzioni agricole
Coldiretti, la conta dei danni per le produzioni agricole