Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

Danni ungulati, dopo Torino gli agricoltori puntano a Roma

Una delegazione di agricoltori della Cia, confederazione agricoltori Italiani, è stata ricevuta in consiglio regionale per discutere delle misure per arginare i danni alle colture provocate da cinghiali e caprioli. Anche Cia Alessandria era presente. Secondo l'assessore Ferrero i limiti di intervento sono fissati dalle legge nazionali
ECONOMIA – Se non basta andare a Torino, gli agricoltori piemontesi sono pronti ad arrivare a Roma per presentare proposte a difesa dellecolture dai danni provocati dagli ungulati.
Lunedì mattina i rappresentanti di Cia, confederazione italiana agricoltori, sono stati ricevuti nelle sede del consiglio Regionale. Tra questi, anche numerosi alessandrini che da anni chiedono misure a tutela della categoria.
L’alessandrino era rappresentato principalmente da cerealicoltori, corilicoltori, viticoltori, allevatori. Ad accompagnarli: il vicepresidente provinciale Massimo Ponta, il direttore provinciale Carlo Ricagni e il suo vice Giuseppe Botto, i direttori di area Paolo Viarenghi e Cinzia Cottali.

L’incontro è stato aperto dal presidente regionale Cia, casalese, Gabriele Carenini, che ha spiegato la mobilitazione del mondo agricolo che riguarda il nostro territorio e coinvolge, oltre gli interessi rurali, anche la sicurezza stradale e l’incolumità pubblica.

A seguire, gli interventi di alcuni agricoltori in rappresentanza di ciascuna provincia (Italo Danielli per la provincia di Alessandria), poi quelli di sindaci e rappresentanti delle Amministrazioni comunali, che hanno evidenziato quanto si tratti di una vera emergenza, la cui soluzione non è più rimandabile.

L’assessore Giorgio Ferrero ha ascoltato tutte le istanze e le testimonianze dei produttori, poi ha spiegato che il ruolo della Regione è frenato dai limiti imposti dalla normativa nazionale. Le specie presenti, che non sono autoctone nella loro origine, è ora fonte di gravi disagi e danni enormi. In Piemonte manca un aggiornamento della legge nazionale.

A fronte di questo, nelle sue conclusioni, il presidente nazionale Cia Dino Scanavino ha promesso l’impegno Cia nel riscrivere la legge 157/92 – Norme per la protezione della fauna selvatica - e proporla, in tempi brevi, alla politica in sede nazionale a Roma.

Secondo gli ultimi dati, le Atc (aziende territoriali che corrispondo per conto della Regione i danni agli agricoltori) nel 2017 sono stati richiesti 86 mila euro nella zona novese-tortonese e ben 332 mila euro nell'acquese-ovadese. Le stime per il 2018 sono anche superiori.
19/02/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film