Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Chiedono denaro in cambio di "protezione": quattro arresti ad Acqui

Si erano offerti di fornirgli protezione dalla 'ndragheta e, per rendere la richiesta plausibile, hanno sparato quattro colpi d'arma e incendiato la porta di ingresso della ditta. Gli episodi risalgono ad un anno fa e le indagini, condotte dai carabinieri di Acqui Terme hanno portato all'arresto di quattro persone
CRONACA - Si erano offerti di fornirgli protezione dalla 'ndragheta e, per rendere la richiesta plausibile, hanno sparato quattro colpi d'arma e incendiato la porta di ingresso della ditta. Gli episodi risalgono ad un anno fa e le indagini, condotte dai carabinieri di Acqui Terme hanno portato all'arresto di quattro persone: Natale Caruso, residente nella città termale, Maurizio Scerbo, Daniele Carnevale e Petronei Dobos, tutti residenti nel torinese, con l'accusa di furto aggravato e, per Caruso, anche di estorsione aggravata per il metodo mafioso. La vittima è un imprenditore acquese che opera nel settore edile. Quando sono stati raggiunti dall'ordine di carcerazione, ieri mattina, i primi tre si trovano già agli arresti per furto. Sono infatti gli stessi autori del tentativo di scassinamento di un bancomat, a Rho, in provincia di Milano, avvenuto lo scorso ottobre. 
Il primo "avvertimento", i quattro proiettili contro la porta, erano arrivati nel febbraio 2016. Il mese successivo l'incendio. Caruso, che è affittuario di un negozio di proprietà dell'imprenditore, in una zona periferica, si era presentato al titolare della ditta per garantirgli il suo aiuto, con la scusa di pagargli l'affitto. 
Nel mese di settembre, sempre Caruso diceva all'imprenditore che d'ora in poi sarebbe stato sotto la sua protezione e non gli avrebbero più dato fastidio. Per il "favore" chiedeva in cambio 5 mila euro. L'imprenditore, però, aveva avvisato i carabinieri che hanno immediatamente avviato le indagini. 
Oltre alle intercettazioni telefoniche, si sono messi sulle tracce di Caruso, notando che trascorreva spesso le notti in auto, in compagnia degli altri tre, in giro per le province di Piemonte e Lombardia.

L'intento era probabilmente quello di individuare possibili obiettivi di furti. Sarà infatti arrestato, insieme a Scerso e Carnevale, a Rho, nel tentativo di scassinare un bancomat, lo scorso ottobre. A loro, a seguito delle indagini, sono stati attribuiti anche altri furti in tabaccherie o bar, avvenuti in provincia di Torino, nel corso del 2016, sempre portati a termine con le medesime tecniche. Sarebbero gli autori anche di due furti avvenuti a settembre ed ottobre in una ferramenta di Acqui, la Acquifer, dove i quattro hanno fatto rifornimento degli attrezzi del “mestiere”, cannelli per fiamma ossidrica, bombole di ossigeno, altri oggetti per lo scasso, materiale trovato poi nelle abitazioni di Scerbo e Caruso durante le perquisizioni.
Le manette sono scattate nella mattinata del 15 febbraio. Ad emettere l'ordinanza di arresto è stata la procura distrettuale di Torino, competente in materia di reati correlati con la criminalità organizzata.
(nella foto il colonnello Enrico Scandone, comandante provinciale dei Carabinieri e il capitano Ferdinando Angeletti, comandante della compagnia di Acqui Terme)
16/02/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Gli obiettivi della Cisl Al-Asti al Congresso nazionale a Roma
Gli obiettivi della Cisl Al-Asti al Congresso nazionale a Roma
 Bonus mamma, bebè e permessi: ecco tutte le novità
Bonus mamma, bebè e permessi: ecco tutte le novità
Gig Economy: in Provincia 1000 profili attivi. Per lo più donne
Gig Economy: in Provincia 1000 profili attivi. Per lo più donne
Aliante precipitato, le immagini
Aliante precipitato, le immagini
I 203 anni dell'Arma dei Carabinieri
I 203 anni dell'Arma dei Carabinieri
Una domenica pomeriggio in occasione delle Cantine Aperte nella distilleria di Altavilla della famiglia Mazzetti
Una domenica pomeriggio in occasione delle Cantine Aperte nella distilleria di Altavilla della famiglia Mazzetti