Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Promozione - girone D

Acqui sconfitto in casa dal Rapid: ora i playoff sono un miraggio

Quarto stop consecutivo per i termali che vedono allontanarsi anche la postseason: un'autorete di Piccione condanna i ragazzi di Merlo
ACQUI TERME - Di sconfitta in sconfitta, quasi in fotocopia. Prosegue il momento di crisi nera dell'Acqui, giunto alla quarta sconfitta consecutiva, ancora una volta fra le mura amiche. Stavolta è il modesto Rapid Torino a portare via tre punti dall'Ottolenghi, al termine di una gara che ha avuto, nelle sue modalità, tanti punti di contatto con le sconfitte precedenti, a cominciare dal rigore sbagliato dai termali, per finire con una buona dose di sfortuna; alla base, però, è evidente che qualcosa non va.

Priva di mister Merlo, squalificato, e con Rovera preferito fra i pali a Gallo, l'Acqui comincia con ritmi bassi, ma gestendo il pallone, e potrebbe sbloccare la gara al 19', quando un contatto fra Tartaglia e Massaro è punito col rigore. Non batte Rondinelli, dopo la recente serie di errori, bensì lo stesso Massaro, ma il risultato non cambia: il giovane Borga (classe 2000) si copre di gloria parando il tiro dell'esperto attaccante, e per i bianchi viene spontaneo pensare quanti punti siano stati gettati al vento dal dischetto. Sarà il caldo, sarà la delusione, ma si prosegue su ritmi blandi, e col Rapid che si difende con ordine e senza troppa difficoltà. Al 40' grande occasione per i torinesi con Rammah che sbuca alle spalle di Mirone, anticipa Roveta in uscita ma calcia a lato del palo. Finisce senza reti il primo tempo, e se possibile l'Acqui comincia il secondo anche peggio di come ha finito il primo.

Al 7' Rammah semina il panico ma è in fuorigioco, al 7' Daggiano perde il tempo per il tiro e si fa recuperare. All'8' però arriva il gol, e come sempre l'Acqui dimostra di essere anche poco fortunato: ancora il valido Rammah sulla destra, tiro cross verso l'area sgombra di giocatori torinesi; la palla però colpisce il fianco di Piccione e finisce in rete: 0-1. Il Rapid è in vantaggio, senza aver mai tirato nello specchio della porta. Qui vengono fuori le incertezze dell'Acqui, frutto del momento difficile. I bianchi avrebbero tempi e mezzi per reagire ma si fanno innervosire, così che le loro trame offensive diventano confusionarie. A questo si aggiungono gli infortuni di Cavallotti e Rondinelli e 4 cambi in pochi minuti che tolgono certezza e fluidità alla manovra acquese. Al 31' su una punizione dalla fascia di Lovisolo Manno di testa mette fuori dalla corta distanza una buona occasione, e si capisce che non finirà bene. Infatti, all'Acqui resta solo il generoso forcing da esercitare nel recupero. Al 46' Massaro devia la palla a centroarea, ma il giovanissimo Borga è in giornata di grazia e si oppone, e quindi all'ultimo secondo i bianchi vanno in rete, ma l'arbitro ha già fermato il gioco per un contestatissimo offside. Finisce così, con l'ennesimo ko e i playoff che si allontanano: quinto posto, ma il distacco dalla Santostefanese ora diventa un fattore, e poi, fra infortuni, sfortuna, stato d'animo e carenze strutturali, invertire la rotta sembra davvero difficile.


ACQUI FC – RAPID TORINO 0-1
Reti: st 8’ Piccione aut.

Acqui FC (4-3-3): Rovera 6; Piccione 5.5, Manno 6, Morabito 5.5, Mirone 5.5; Cavallotti 5.5 (10’ st Cocco 6), Rondinelli 5 (17’ st Lovisolo 6), De Bernardi 5.5 (10’ st Gai 6); Motta 5.5, Massaro 5, Campazzo 5.5 (17’ st Aresca 6). A disp: Gallo, Acossi, Roveta. All: Boveri
Rapid Torino (4-3-3): Borga 8; Roncarolo 6, Tartaglia 6.5, Quatela 6.5, De Matteis 6.5; Robucci 6 (49’ st Rao ng), Barbera 6, Kasa 6 (35’ st Mastroeni ng); Rammah 6.5 (41’ st Renna ng), Daggiano 5.5, Palmieri 6 (35’ st Novarese ng). A disp: Balan, Di Santis, Magnani. All: Oppedisano

Arbitro: Scalabrin di Nichelino 5.5 (Tuccillo e Giaveno di Pinerolo) 
9/04/2018
Ezio Bruzzesi - sport@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018