Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Bistagno

A Bistagno arriva il grande teatro con Ugo Dighero e Beppe Rosso

Il teatro della Soms da gennaio alzerà il sipario su una mini stagione teatrale, ma dai grandi nomi e dagli spettacoli sicuramente interessanti. Si inizia col 'botto': giovedì 12 gennaio "Mistero Buffo" di Dario Fo
BISTAGNO - Il grande teatro arriva a Bistagno e troverà la sua “casa” nella Soms di via Carlo Testa. L'iniziativa, patrocinata dalla Regione attraverso la Fondazione Piemonte dal vivo, nasce dalla collaborazione tra il Comune e la ditta teatrale Quizzy di Monica Massone, attrice e autrice alessandrina.

La stagione teatrale conta cinque rappresentazioni e partirà giovedì 12 gennaio con Ugo Dighero, nome d'eccellenza dello scenario nazionale, e l'interpretazione del Mistero buffo di Dario Fo. "Dighero – spiega Massone – è un istrione: portarlo qui è un onore e sarà una bella occasione per i cittadini per vedere all'opera, e a Bistagno, un professionista del genere. Ma anche una persona molto disponibile: a ogni suo spettacolo si ferma volentieri a intrattenersi con il pubblico".

Gli altri spettacoli saranno interpretati da compagnie provenienti dal nord Italia e, ovviamente, da Quizzy Teatro: si va dalla comicità surreale de Les Jumeaux il 25 febbraio, a Solo, il 18 marzo, scritto e diretto dalla stessa Monica Massone su un “milite ignoto” della Prima Guerra Mondiale, concludendo con l'attualità e i suoi problemi – rivisiti con sottile ironia – con Piccola società disoccupata e Cuore di piombo, rispettivamente il 1° e 28 aprile. Interazione, curiosità e partecipazione: sono queste le parole d'ordine della stagione teatrale di Bistagno.

Lo spiega il vice sindaco e vice presidente Soms Riccardo Blengio: "Abbiamo conosciutoMonica un anno e mezzo fa e, finalmente, siamo riusciti a mettere in pratica un progetto importante.Lo è perché il teatro va ad integrarsi con altre iniziative con la nostra Gipsoteca col fine di diventareun punto di riferimento culturale per i nostri cittadini e non solo".

Teatro, arte, ma anche enogastronomia: "In questo senso – prosegue – vorremmo integrare l'offerta culturale a tutto tondo con il nostro territorio, attraverso convenzioni e accordi con ristoranti ed esercizi commerciali che possano attirare più gente possibile e fare di Bistagno una città ancora più viva".

La stagione teatrale, infatti, è stata pensata in termini creativi, ma attuali e vicini alla popolazione «Questo progetto – spiega con entusiasmo Monica Massone – è mirato ad avvicinare appassionati di teatro enon, ma soprattutto i giovani. In più, sarebbe importante aprire un dialogo con Acqui e l'Assessoratoalla Cultura per costruire un ponte di idee e collaborazioni». Il costo dei biglietti va dai 9 ai 18 euro,abbonamenti dai 48 ai 62.

Per informazioni: www.somsbistagno.it
10/01/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
I carri più belli arrivano da Sezzadio. Ora chiede di diventare il Paese del Carnevale
I carri più belli arrivano da Sezzadio. Ora chiede di diventare il Paese del Carnevale
Presiodio lavoratori Terme di Acqui
Presiodio lavoratori Terme di Acqui
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura